Elezioni regionali 2017

Sicilia, Musumeci per il centro destra e Fava per il centrosinistra: mgiochi fatti

Sicilia, Musumeci per il centro destra e Fava per il centrosinistra: mgiochi fatti
Quello che si potrebbe configurare, a questo punto, e' un ticket Musumeci-Armao, con il secondo nel ruolo di vice governatore con deleghe strategiche, come l'Economia o le Infrastrutture.

Il centro destra si ricompatta, in Sicilia, attorno alla figura di Nello Musumeci. Al candidato della coalizione che conta Forza Italia, Fratelli d'Italia e Lega, manca solo l'imprimatur del presidente Silvio Berlusconi che incontrera' nelle prossime ore Giorgia Meloni e Matteo Salvini. L'ex presidente del Consiglio ha fatto prevalere "l'unita' del centrodestra", come aveva promesso, dato che la sua prima scelta era caduta sull'avvocato Gaetano Armao, gia' assessore con Raffaele Lombardo. Quello che si potrebbe configurare, a questo punto, e' un ticket Musumeci-Armao, con il secondo nel ruolo di vice governatore con deleghe strategiche, come l'Economia o le Infrastrutture. Di questo, ma anche di programma e squadra di governo, si parlera' durante il faccia a faccia tra Berlusconi e gli alleati nei prossimi giorni. In attesa dell'incontro, un esponente di peso della Lega Nord come Roberto Maroni accoglie positivamente "il ricompattamento del centro destra in Sicilia" e vi scorge un segnale che lascia bene sperare per il futuro: "ricordo i moti indipendentisti e puo' essere un buon viatico per il futuro e il cambiamento".
Se il centro destra appare compatto, dall'altra parte del fronte gli animi si fanno di ora in ora piu' tesi. Il rettore dell'Universita' di Palermo, Fabrizio Micari, ha ufficializzato la propria candidatura, sostenuta da Pd e Alternativa Popolare. Rimangono fuori, dunque, Mdp e Sinistra Italiana, che schierano Claudio Fava. Una rottura 'indolore', per il governatore toscano e cofondatore di Mdp, Enrico Rossi: "Noi crediamo che attorno a Claudio Fava si possa ricostruire il centrosinistra in Sicilia, senza fare male a nessuno": alle regionali del 5 novembre "si vota con il sistema proporzionale e se il Pd avra' bisogno del cosiddetto 'soccorso rosso', noi ci siamo", ha spiegato Rossi. Insomma, se nessuno raggiungera' il 40 per cento necessario per governare, Bersani e compagni si faranno trovare pronti a sostenere, probabilmente dall'esterno, la giunta Micari. Intanto il Rettore, in conferenza stampa, annuncia la sua candidatura e si dice "molto confortato dalle prese di posizione di diversi esponenti del Pd nazionale e locale. Le speranze di portare dentro la coalizione anche Mdp e SI non sono definitivamente tramontate: Micari e' tornato a sottolineare la necessita' di costruire' un "campo largo, una coalizione allargata e una condivisione del programma. Bisogna fare una proposta unitaria, l'unica vincente nei confronti della destra e del Movimento 5 stelle. Possiamo chiamarlo appello, ma nella fase di definizione del programma mi piacerebbe vigesse una logica di costruzione condivisa, di vera democrazia partecipativa, dove il programma non viene preparato da un circolo ristretto, ma con una forte condivisione". Alla domanda se intenda mantenere la sua decisione anche se la corrente dei bersaniani e Sinistra italiana non appoggeranno la sua candidatura, ha risposto "assolutamente si', vado avanti".

Categoria: